venerdì 21 giugno 2019

Pedalate con noi alla Mostra dell'Artigianato!


L’appuntamento è a Feltre domenica 30 giugno per pedalare “verso il gusto” con la collaborazione del Casel de Celarda con cui stiamo mettendo in piedi una giornata ciclo-gastronomica, all’interno della Mostra dell’Artigianato 2019.

Nome: “Pedalando verso il gusto”
Quando: domenica 30 giugno 2019 dalle ore 9:30
Dove: Feltre, in zona Largo Castaldi
Destinazione: “Casel de Celarda” dopo una pedalata che attraverserà la località Montegge, Porcen, Tomo, Villaga, Anzù per l’arrivo al “casel”.
Partenza: ore 10:00
Arrivo: è previsto per le ore 11:15
Pranzo a buffet con assaggi vari di prodotti del territorio
Rientro a Feltre ore 15:00
Adesione: € 10,00  a persona (è compresa la copertura assicurativa giornaliera)
È richiesta la cortesia di avere una bicicletta in buone condizioni generali ed una camera d’aria di scorta.

Un evento cicloturistico dove il gusto sarà protagonista (dopo una pedalata non eccessivamente faticosa), insieme a momenti dedicati alla zona di territorio che ci ospiterà, e che ci accoglierà grazie alla disponibilità che ci è stata messa a disposizione dall’associazione del “Casel de Celarda”. È un appuntamento che ci è stato proposto dall’organizzazione della Mostra per questa edizione dedicata alla bicicletta. Possiamo considerarlo un antipasto di Ciclo-Palio.
Per partecipare vi sarà un’adesione che comprenderà anche la copertura assicurativa giornaliera. Per informazioni su questo appuntamento e per lasciare il vostro nominativo è a disposizione questo numero: 320 211 56 02 


lunedì 13 maggio 2019

Cinzia, Graziella,...dove siete?; "A Feltre, il 7 luglio!"

Un raduno ciclistico previsto per la prima domenica di luglio. Per riunire le “reginette” a pedali che forse sono ancora li, funzionanti, ma lasciate in un angolo dei nostri garage. Facciamole uscire, torniamo a far girare quei pedali!!

Abbiamo ideato, organizzato e ora stiamo promuovendo un raduno ciclistico nazionale dedicato alle biciclette pieghevoli degli anni ’70 & ’80. Questo evento è in programma per domenica 7 luglio a Feltre, con ritrovo in Largo Castaldi (pieno centro cittadino) alle ore 10:30. Tutte le persone che hanno in casa una bicicletta tipo “Cinzia” oppure “Graziella” o comunque del tipo pieghevole possono partecipare per quel che sarà un raduno dedicato a quelle che noi chiamiamo le “Reginette”. Avete una di queste biciclette in cantina e non sapete cosa farne? Forse ora si! Vi sono molte persone innamorate di questo tipo di bicicletta, per i ricordi che riaccendono in chi l’ha posseduta o ancora la possiede. Esistono gruppi di amatori e alcuni le collezionano. Vi sono persone che ne sfoggiano modelli nuovissimi. Altri ancora le hanno in garage o in cantina, impolverate, dormienti da tanti anni, non le usano mai, ma hanno dispiacere a buttarle. Noi vi proponiamo di farle uscire dalla cantina o dall’angolo del box auto: ripulitele, oliatele, cambiate quel copertone bucato, tirate quel freno che…..non frena e risalite sul sellino!
Dopo il momento di ritrovo in centro città si partirà per una pedalata (non lunga) sulle strade attorno a Feltre per andare verso il momento del pranzo. Nel pomeriggio non mancherà un qualche angolo da visitare a Feltre, ma stiamo valutando anche altre possibilità. Per raggiungere la pagina dedicata, e la scheda di adesione con ancora ulteriori informazioni basta un classico “clic” su: leggi il programma


mercoledì 24 aprile 2019

Verso il Ciclo-Palio? Si, ma prima....

Dopo un buon bilancio delle nostre pedalate di marzo, un evento cicloturistico probabilmente estemporaneo ci indirizzerà verso il Ciclo-Palio. Si pedalerà…..di gusto.
Una telefonata un primo pomeriggio di marzo, seguita da un incontro con i responsabili della Mostra dell’Artigianato di Feltre due giorni dopo. In mezzo la richiesta se potevamo prenderci cura dell’organizzazione di un evento cicloturistico da proporre all’interno della stessa rassegna di fine giugno (che si terrà dal 28 al 30), dato che questa edizione sarà dedicata alla bicicletta. Ha così preso il via un lavoro di organizzazione che guarda a domenica 30 giugno per una mezza giornata cicloturistica, che inizierà probabilmente a metà mattina fino al pomeriggio. In questo evento “pedaleranno” FIAB Feltreinbici e il WWF del Veneto con i loro patrocini. Il programma vuole proporre una pedalata attraversando alcune località dei Comuni di Feltre con un rapido sconfinamento che potrebbe guardare al territorio di Seren del Grappa, per poi portare il gruppo (speriamo numeroso) a prendere posto nelle vicinanze di un tavolo ricco di…… gusto. Insieme a questo dimostrazioni cultural-gastronomiche e visite guidate. Definiamolo un Ciclo-Palio in versione ridotta. Per ora accontentatevi di questo……antipasto ciclistico.  


venerdì 15 marzo 2019

FIAB di Feltre. Ne abbiamo incontrato il Numero Uno

A circa un anno di distanza incontriamo nuovamente FIAB Feltreinbici ed il suo Presidente, in questa occasione Andrea Marchet succeduto a Remo Boscarin. Il bilancio di un anno, la Feltre ciclistica e non, l’opera della Feltre-Belluno, la FIAB Nazionale, il Codice della Strada e altro ancora. Non troverete qui l’incontro completo. Gli aderenti potranno leggere l’intervista integrale sul prossimo numero di “Giù di sella”.
Presidente Marchet, lei ha ereditato questa nomina in una situazione che potremmo definire “in corsa”. Che bilancio trae dai primi dodici mesi di attività? “Sono stati dodici mesi molto positivi, di crescita, usati per capire come funziona il sistema. Abbiamo intrattenuto delle relazioni con diverse associazioni come la vostra o il CAI di Feltre, e stiamo studiando per il prossimo futuro tante iniziative per cercare di promuovere sempre più l’uso della bicicletta all’interno del territorio. Per quest’ultima cosa abbiamo promosso delle pedalate nel nostro territorio ma non solo. Riteniamo che questi appuntamenti siano un veicolo per l’aggregazione tra le persone, per far loro ritrovare il piacere del pedalare.” Visto che ha toccato l’argomento riguardante i vostri progetti, cogliamo la palla al balzo e le chiediamo: cosa troveranno gli aderenti di Feltreinbici nel 2019? “Stiamo lavorando in primis ad un ricco calendario di gite, partiremo a maggio con una pedalata di due giorni al Lago d’Iseo in collaborazione con il CAI, un altro appuntamento per il Giro d’Italia, e diverse altre iniziative. Ma non ci limiteremo alle uscite in bicicletta. La nostra idea è cercare di lavorare per migliorare la viabilità e la ciclabilità al interno del nostro territorio. Molti lavori il comune li ha fatti, alcuni discutibili, altri molto validi. Quel che vogliamo è cercare di portare avanti un progetto condiviso. Non siamo qui per promuovere una nostra unica idea, ma cercare di condividere un progetto con il Comune e con le diverse associazioni. Con voi abbiamo pensato e costruito l’evento di “Ascoltandovi”, dove volevamo cercare di conoscere le idee delle persone che vivono all’interno del territorio.”
Le chiediamo la sua idea sulla Feltre-Belluno ciclabile, aldilà dei discorsi di qualunque Amministrazione che venga attraversata dall’opera. È stato un progetto indirizzato nel modo giusto, vi sono cose che non la convincono, o che non lo fanno al momento? “Vedo il solito e italico problema. Si parte con dei grandi progetti, dimenticando le basi dei vari ragionamenti. La Feltre-Belluno sulla carta è un progetto interessante e importante per sviluppare un certo turismo. Ma non è studiato per chi utilizza la bici nel quotidiano. Il percorso studiato è in gran parte molto bello, ma non è pratico o semplice da fare. L’esempio più lampante, non distante da noi, è il ponte costruito sul Torrente Caorame in località Pont. Un luogo fuori dal mondo con delle pendenze elevate per raggiungerlo, che non è stato pensato per l’uso quotidiano. Potrebbe andar bene per la scampagnata del fine settimana, potrei dubitarne invece per il cicloturista caricato di borse e bagagli vari sulla bicicletta. Si parte da quelle che dovrebbero essere delle varianti, dimenticando quello che dovrebbe essere il percorso principale. Non è una situazione capitata soltanto con quest’opera della Feltre-Belluno, ma su quest’ultima è evidente. Dopodichè è un percorso certamente valido su cui ci si deve impegnare. Però certe scelte che sono state fatte sono perlomeno discutibili.” La porto sull’argomento strade, limiti di velocità e quindi Codice della Strada. Vi sono delle proposte, annunciate dai media come se fossero quasi cosa certa, che potrebbero diventare cosa concreta, e riguardano la bicicletta e i ciclisti in ambito urbano. Le chiedo la sua opinione in proposito. “La stampa cerca spesso titoli che destino sensazione, probabilmente per vendere più copie. A volte delle leggi nemmeno approvate vengono sbandierate come ad un passo dall’essere definitive. Le proposte sono indubbiamente valide e andrebbero spiegate in maniera corretta. Il doppio senso ciclabile potrebbe venire realizzato soltanto su vie idonee, con limiti di velocità che non superino i 30 all’ora, e comunque con una sede stradale tale da consentirlo. Non tutti i sensi unici diventeranno a doppio senso di marcia soltanto con un eventuale approvazione di questa proposta.” Quando questo nostro incontro verrà letto lei sarà già stato presente a Verona per un congresso nazionale FIAB. Non è la prima volta che vi partecipa. Che FIAB ha visto fin ora? “Importante è avere presenti delle voci che parlino di cambiamento. FIAB ha fatto un eccellente lavoro in questi anni, ma è indubbio che oggi bisogna essere più incisivi con la politica. Lavorare per limitare gli sprechi, avere la possibilità di disegnare un’Italia del futuro, ma lavorandoci dentro, all’interno, per far uscire una politica che sia più chiara sulle cose che si vogliono fare.”

sabato 9 marzo 2019

Ciak si gira! (in bici). Buona la prima.

Positivo esordio delle nostre pedalate di fine inverno-inizio primavera. Prima sgambata verso Celarda per due chiacchiere e un bicchiere alla fine, con appuntamento ora fissato (meteo permettendo)per il secondo ritrovo di sabato prossimo presso la piazzetta di Farra. Sempre 14:15, sempre con la voglia di un'oretta di pedalata leggera, a modo nostro.

sabato 2 marzo 2019

Allora, bici pronta?

Se il meteo ci darà una mano (tocca guardare pure quello…), ecco il mese dedicato alle nostre pedalate cicloturistiche, aperte a tutti quelli che vogliono fare una pedalata leggera, su strade non troppo trafficate, facendo si un po’ di fatica ma senza fare il passo più lungo della gamba. Ricordiamo velocemente: sabato 9 Prà del Moro, sabato 16 piazzetta di Farra, sabato 23 piazzale di Pasquer, sabato 30 piazza di Villabruna. Ritrovo sempre alle 14:15, partenze alle 14:30. In caso di brutto tempo non si pedala, ma speriamo capiti poco o mai!

sabato 23 febbraio 2019

Mobilità cittadina. Vogliamo incontrarvi. Ci state?

“Incontrandovi”. Una doppia proposta d’incontro con i cittadini di Feltre, con noi e FIAB Feltreinbici, per sapere se su questo argomento vi è la voglia di esprimere la propria idea e non ascoltare sempre quella degli altri. Per ascoltare la Feltre che guida, cammina, pedala, o tutte e tre insieme. Ecco di cosa si tratta.
LA PROPOSTA: con FIAB Feltreinbici abbiamo ideato, e ora stiamo promuovendo “Incontrandovi”, una proposta d’incontro tra i cittadini di Feltre e le nostre due associazioni per ascoltare le loro idee, opinioni, critiche negative o positive sull’argomento relativo alla mobilità cittadina pedonale, automobilistica, ciclistica. Quello che offriamo ai cittadini è l’occasione di venire a parlare con noi, lasciando loro libertà di scelta per esprimersi su alcuni temi di questo argomento. QUANDO E DOVE: questo incontro viene proposto in due momenti diversi. Sabato 2 marzo presso il Bar Principe di Piazza Isola in due fasce orarie: dalle ore 10:00 alle ore 12:00 e dalle ore 16:00 alle ore 18:00. COME: sapendo il giorno, il luogo e gli orari basterà presentarsi e sedersi di fronte a noi per manifestare la propria idea. Dedicarci il tempo che si ritiene necessario per esprimersi, e a noi per prendere nota delle osservazioni. Bastano due minuti? Due minuti saranno! Ne serviranno dieci? Dieci saranno! PER DIRCI CHE COSA?: usate l’automobile spesso? Avete simpatia per la bicicletta? Amate camminare? Vi sono delle cose che riguardano questi modi di spostarvi e pensate che si dovrebbe o potrebbe fare…….. ci state a dirci che cosa? Spiegarci come e i motivi di una vostra idea, o di una critica buona o cattiva? E POI?: se vi sarà fiducia nei nostri confronti, e quindi partecipazione, tutte le osservazioni raccolte verranno da noi messe in ordine, e successivamente fatte conoscere al pubblico tramite la stampa locale, o anche con un incontro pubblico per proporre l’esito di questo progetto se la quantità di argomenti sarà stata considerevole. A CHI CI RIVOLGIAMO?: ALLA CITTADINANZA. NOI E VOI SENZA INTERLOCUTORI INTERMEDI NE PRIMA, NE DURANTE, NE DOPO.
Crediamo moltissimo in questa proposta e speriamo che i cittadini vogliano credere al nostro impegno premiandoci con la loro presenza e soprattutto con i loro argomenti. Il tema relativo alla mobilità è vario, e per questo motivo saremo ben contenti di ricevere osservazioni che andranno a toccare aspetti diversi, per chi cammina, guida, pedala o tutte queste cose. La cosa più importante per noi è che i cittadini capiscano che stavolta vi sarà la possibilità di essere i protagonisti e non gli spettatori.